REACT

artprice

LinC (Livorno in Contemporanea 2.0)

LinC è il progetto livornese selezionato e finanziato dalla Regione Toscana all’interno del bando sull’arte contemporanea indetto per il 2016. Frutto del tavolo di lavoro coordinato dall’assessorato alla Cultura del Comune di Livorno a cui hanno aderito le principali realtà operanti a vario titolo nell’ambito dell’arte contemporanea, ha lo scopo di celebrare la vocazione contemporanea della città, già più volte verificata anche attraverso la collaborazione a progetti regionali, questa volta con una particolare attenzione al coinvolgimento del territorio e con azioni mirate per la costruzione di un pubblico maggiormente consapevole.

E’ un progetto che nasce con lo scopo di creare una sinergia tra le persone (siano esse cittadini, turisti, studenti, artisti, operatori culturali, istituzioni) e le espressioni artistiche contemporanee (arte visiva, danza, musica, architettura) mediante uno stretto radicamento con il territorio. In questo senso l’immagine della mappa della città dove sono indicati i nodi sensibili alle attività del contemporaneo contiene in sé tutti gli aspetti reali e virtuali che caratterizzano LinC: percorso fisico, indicazione di luoghi ed eventi dedicati al contemporaneo, percorso iniziatico, proposta di una differente lettura del tessuto cittadino, intercettazione di nuovo pubblico, condivisione del reale.

La mappa/APP (LinC) diventa uno strumento attraverso il quale la comunicazione si globalizza e va oltre l’evento specifico ma lascia una traccia permanente delle attività realizzate o da realizzare in continuo dialogo con i suoi protagonisti.

In questo senso il workshop di arti visive, il seminario sulla musica contemporanea, la performance di danza o il cantiere di arte urbana sono tutte azioni che necessitano la partecipazione e condivisione e sono concepite come un momento di approfondimento sia per l’artista e il curatore che per il pubblico.

Nello specifico

Poiché l’obbiettivo primario definito dal bando regionale 2016 è quello di avvicinare il pubblico, e in particolare i giovani, all’arte contemporanea mediante esperienze conoscitive che creino un ponte fra le realtà del territorio e la ricerca artistica internazionale si è scelto come media il web: l’attivazione di nuovi percorsi formativi avrà luogo mediante la messa in rete di spazi della città, già riconosciuti dalla comunità o che necessitano di una nuova o maggiore identificazione come produttori/diffusori di iniziative legate all’arte contemporanea, e prenderà la forma di una mappa o cartina, e quindi una APP che tramite tecnologia Qr Code permetterà di approfondire in tempo reale i contenuti legati ad un dato Luogo, in una rete di Luoghi e di eventi particolarmente facili da fruire al visitatore, turista, crocerista in arrivo a Livorno.

La APP LinC conterrà tutte le informazioni sul sistema dei luoghi, gli eventi e le iniziative, i promotori, collaboratori, partner, sponsor e partecipanti e funzionerà come spazio virtuale dove aprire un dibattito sull’arte urbana, pubblicare i video delle attività svolte ecc..

La mappa conterrà anche le indicazioni del percorso che conduce attraverso la città nelle sedi delle azioni, e sarà configurata anche per intercettare i turisti italiani e stranieri che transitano nella città e che troveranno, finalmente, nella APP (LinC) uno strumento semplice e chiaro per orientarsi.

All’interno e/o esterno dei luoghi deputati, definiti NODI, avranno luogo workshop, incontri lezioni, performance eventi espositivi che affronteranno alcuni degli aspetti più interessanti del linguaggio artistico contemporaneo: l’arte visiva, la danza, la musica e il rapporto con l’architettura e l’urbanistica.

Il progetto LinC è in rete con la Fondazione Pistoletto, Cantieri del Gesto di Virgilio Sieni.

Le associazioni:

React, è la capofila del progetto. Rappresentata da Raffaele Rossi, opera da anni sul territorio e si è distinta per la sua attività all’interno della chiesa di piazza del Luogo Pio, dove ha fatto convergere progetti di numerosi artisti e di varie provenienze. Proprio quest’anno si avvia alla formalizzazione della donazione della collezione delle proprie opere d’arte alla città.

Itinera Formazione è coordinata da Daniela Vianelli, svolge attività di formazione a vari livelli sul territorio locale e regionale e avrà l’onere di supportare tutte le attività laboratoriali anche attraverso la mediazione con le istituzioni scolastiche, i docenti e gli studenti.

Pavillon Social ha sede a Lucca, ma opera in maniera nomade mediante attività espositive contemporanee di ricerca, anche su aspetti storici, sociali e urbani, che intercettano artisti internazionali spesso giovanissimi. È rappresentata da Paolo Emilio Antognoli.

Il coordinatore scientifico del progetto è la storica dell’arte Valentina La Salvia.

Il progetto LinC (http://www.livornoincontemporanea.it) prevede un piano attuativo di due anni.

Lascia un Commento

Autenticarsi per lasciare un commento.