REACT

artprice

progetti

Sintesi del Progetto CoCoCo

Associazione Culturale REACT

L’Associazione Culturale REACT (Ricerca Esperienze Arte ConTemporanea) vuole, con il suo impegno e la passione dei suoi associati, potenziare l’offerta di cultura, soprattutto sul fronte dell’arte contemporanea, attraverso un modo non convenzionale di fare mostre, eventi e incontri per coinvolgere giovani, nuovi cultori, appassionati, collezionisti ma anche ragazzi e/o alunni di classi di scuole medio-superiori insieme ai loro professori.

Proprio per “raggiungere” meglio i ragazzi delle scuole superiori, nasce l’ultimo progetto culturale, ideato da REACT (http://www.react.it), chiamato CoCoCo (Conoscere e Comprendere il Contemporaneo), ispirato al fatto che l’artista contemporaneo è spesso un precario nella nostra società (un collaboratore esterno… come si dice riferendosi al contratto di lavoro “cococo”) e questo è un fattore negativo, se significa, per il grande pubblico e per le nuove generazioni, non riuscire a stabilire rapporti continuativi con la sua espressione artistica.

REACT vuole limitare/eliminare il lato oscuro di questa situazione, portando a conoscenza del pubblico, nel termine più esteso possibile, i linguaggi espressivi dagli artisti contemporanei…. L’iniziativa CoCoCo è ideata in una programmazione poliennale basata su due appuntamenti annuali, che, pensati in particolare per una migliore fruizione scolastica, sono collocati nel periodo Ottobre/Novembre e Marzo/Aprile.

Alla base di questo progetto, come detto, sta la volontà di aprire una finestra periodica sull’arte contemporanea, per un pubblico eterogeneo, senza barriere culturali di nessun tipo, previlegiando il rapporto con le scuole, gli alunni delle quali parteciperanno in prima persona all’iter delle mostre stesse, attraverso un percorso creato “ad hoc” ogni volta per loro: verranno infatti a visitare le “vernici” delle mostre, potranno parlare e collaborare con gli artisti invitati, anche attraverso una serie di lezioni non convenzionali nella loro scuola/classe. Il progetto è incentrato su un obiettivo fondamentale: che le mostre diventino un punto di riferimento culturale vivace e stimolante per tutti.

Come luogo di incontro e scambio, l’evento espositivo offre anche l’occasione per discutere ed approfondire tematiche strettamente legate al quotidiano, dando molteplici spunti per riflessioni di carattere linguistico, sociale e politico di sicuro interesse, per una valida ed efficace iniziativa didattica. Gli artisti invitati sono scelti con il supporto di critici di valenza nazionale, che cercheranno perciò in questo caso di usare un linguaggio più facilmente adattabile a tutti i fruitori. La prima edizione, di CoCoCo, ha visto la partecipazione dell’artista Alessandro Bulgini, che vive e lavora a Torino, con l’installazione dal titolo: “Hairetikos”, nella Chiesa del Luogo Pio, a Livorno, inaugurata il 12 Aprile 2008. Il critico scelto è Giacomo Zaza, ideatore di eventi espositivi per spazi pubblici e centri d’arte contemporanea internazionali.

REACT, nell’ambito del progetto, è riuscita a svolgere un ampio lavoro di disseminazione che ha permesso di entrare in contatto con i principali istituti scolastici ed istituzioni cittadine. I primi “esperimenti” hanno coinvolto in particolare alcune classi del Liceo Scientifico “F. Cecioni” di Livorno proprio perché esso propone, nella sua offerta didattica, un’indirizzo “artistico” specifico.

Con il contributo della Fondazione Cassa di Risparmi di Livorno.


Biografia Robert Gschwantner

Robert Gschwantner
Born 1968 in Steyr – Austria
Living and working in Berlin

Solo Exhibitions:

2006 Effeto Venezia 2006, Chiesa del Luogo Pio, Livorno (I)
Galerie Ulrich Mueller, Köln (D)
2005 Robert Gschwantner, Gitte Weise Galerie, Berlin (D)
Black Atlantic, curator M. Raczek, Otwarta Pracownia, Krakowie (PL)
Oltre la Parvenza, with A.M. Lamera, curator A. Madesani, Palazzo Comunale, Fontanella BG (I)
Sphaeren Wechsel Wirkung, Artmark Galerie, Wien (A)
Lives and Works in…, Paolo Maria Deanesi Gallery, Rovereto (I)
2004 Transparenzformationen, Galleria Sergio Tossi Arte Contemporanea, Firenze (I)
2003 The Ethanediol-Connection, Galerie Ulrich Mueller, Köln (D)
2002 Merci Total – The Erika Project, curator A. Marfella, Fondazione IDIS – Città della Scienza, Napoli (I)
Untitled, Galleria Il Ponte Contemporanea, Roma (I)
Oil-Paintings, Grantpirrie Gallery, Sydney (AUS)
Oil-Paintings 2, Galleria Maria Cilena, Milano (I)
2001 Sirens Songs, Galleria Mimmo Scogniamiglio, Napoli (I)
2000 Achille Lauro, Galerie Ulrich Mueller, Köln (D)
Oceanos, Galleria Il Ponte Contemporanea, Roma(I)
1999 Robert Gschwantner, Fendissimi, Roma (I)
Diamone Grace, Galleria Il Ponte Projects, Roma (I)
1998 EE80 Ashlessdispersant, Galleria B & D studio contemporanea, Milano (I)
1997 Exxon Valdez, Galerie Pohlhammer, Steyr (A)
1995 Prospettive Trasparenti, Österreichisches Kulturinstitut, Roma (I)

Group Exhibitions:

2006 Rendevous mit Gitte, Gitte Weise Galerie, Berlin (D)
Dissonanze, Galleria Maria Cilena, Milano (I)
Strade Bianche 2006, Casale Marittima (I)
2005 VIII Premio Casoli, Serra San Quirico (I)
2004 Minds eye, Hazelshurst Regional Gallery & Arts Centre, Sydney (AUS)
Entgrenzungen/Weiterungen/Transfers, OÖ Kunstverein, Linz (A)
LUCIda MENTE, Fortezza del mare, Porto Venere (I)
Televisione-Arma di Distrazione di Massa, Casina Pompeiana, Napoli (I)
Phänomen Landschaft, NÖ Landesmuseum, St. Pölten (A)
2003 Orte(n) der Stille, Artmark Galerie, Spital am Phyrn (A)
The Last Judgement Project, The Rainier Room– Seattle Centre, Seattle (USA)
2001 Wasted -Metis 2001, curator J. Barney, Canberra Contemporary Art Space, Canberra (AUS)
We like it, Palazzo Modica, Avola – Siracusa (I)
Acqua Potabile, Museo en plein air, Lamezia Terme (I)
Summerexhibition, Galleria Il ponte contemporanea, Roma (I)
1999 Che c’è di nuovo? 1, Museo Comunale Casina Pompeiana, Napoli (I)
Percezione 3000, B & D studio contemporanea, Milano (I)
1998 1.Biennale di Parchi, Natura e Ambiente, The Japan Foundation, Roma (I)
Plastik – di letzten Jahre, Galerie Ulrich Mueller, Köln (D)
1995 Some works by…, SdB Foundation, Rotterdam (NL)

Chiesa del Luogo Pio

Descrizione della Chiesa del Luogo Pio

La Chiesa dell’Assunzione di Mario e di S. Giuseppe detta del Luogo Pio, faceva parte di un unico complesso d’edifici adibiti ad istitu­to per l’aiuto ai bisognosi, situato nel quartiere di Crocetto sul loto est della piazza del Luogo Pio, di fianco alla chiesa di SanFerdinando, distrutti quasi totalmente dagli eventi bellici. La co­struzione appare in un tale stato di degradazione a causa dell’incu­ria e degli eventi bellici, da rappresentare un vero affronto per il patrimonio artistico della nostra citta’.

Il piazzale prospicente la chiesa sembra ormai adibito a deposito di rimorchi e di camion in partenza o in arrivo dal vicino porto indu­striale.

Il paramento murario di tutto l’edificio presenta sia nell’uso dei materiali sia nella tecnica costruttiva una caratteristica tipica­mente settecentesca. I materiali usati promiscuomente sono mattoni (soprattutto negli archi, archi di scarico, oltre che nei davanzali) panchina (per le murature a pieno), frammenti di arenaria e pietra serena (per le parti decorative, finestre, portali).

La facciata e’ di stile barocco, con due finestre al piano terra ed una centrale in alto che da luce alla loggia interno e che attuol­mente presenta il paramento murario a vista essendo quasi totalmen­te scomparso l’intonaco. Le finestre ai lati del portale sono ormai prive degli stipiti in pietra serena ed in quella sinistra l’archi­trave e’ spezzato.

Il portale centrale manca delle spalle mentre rimone la parte supe­riore in pietra serena in discreto stato di conservazione.

Anche oggi sopra il portale rimane la lapide in marmo bianco: “D.O.M. DEIPARAE ASSUMPTAE EIUSQUE SPONSO IOSEPHO”

Sul lato destro dell’edificio, quasi in aderenza con la facciata vera e propria si erge un camponile a vela in cotto e pietra serena, armonioso nella sua semplicita’ ed unico del genere in Livorno e che un tempo portava tre campane, attualmente e’ gravemente lesionato.

Il fianco laterale destro a cui erano addossati alcuni edifici ecclesiastici di cui si vede ancora l’attacco di un’ampia volta a crociera, appare attualmente in gravissimo stato di deterioramento. Qui e’ prevolente l’uso del mattone; tuttovia lo stato attuale del paramento non presenta lesioni di rilevanzo notevole.

Sulla parete terminale si proietta un’abside, slanciato in altezza.

Sul lato sinistro rimangono ancora parte degli edifici in aderenza alla chiesa. Su questo lato tende a prevalere la panchina e si scorgono, inserite nella muratura, quattro catene a cui servono di rinforzo assi in pietra serena. Le coperture si presentano in sta­to di assoluta rovina e pericolanti.

Possiamo osservare, pero’, che una certa “salute” dell’edificio, almeno dal punto di vista statico e’ dovuto probabilmente all’ecce­zionole “leggerezza” della chiesa in cui i vuoti, finestre, porte, finestrine, sembrano quasi superare i pieni.

A cio’ corrisponde una luminosita’ eccezionale all’interno dell’edi­ficio che e’ ad una unica navata che aveva sviluppo verticale note­volissimo ed e’ arretrata rispetto alla facciata essendo separato da un vestibolo. La copertura era a volte sottili e lunette con de­corazioni a stucco di influsso barocco; aveva tre altari ora scom­parsi ornati con stucchi e varie pitture e sull’altare maggiore vi era una bella immagine della Madonna. In quest’altare furono poste le reliquie di Alessandro Martire. Sotto il pavimento vi erano alcuni sepolcri fra i quali quelli dell’architetto del Fantasia e del benefattore Giovanni Pigliu’. Tutto cio’ si presento in uno stato di pessima conservazione dovuto in gran parte ad infiltrazioni di acqua ed alle intemperie in genere.

pianta-luogo-pio

REPETTI, Dizionario geografico fisico storico della Toscono, Firenze 1835.

SANTELLI, Annali. Codice cortoceo (manoscritto consultatoolla Biblioteca Labronico di Livorno).

VIGO, Miscellanea Lìvornese, Livorno 1869.

VIVOLI, Annali di Livorno, Tip. Sordi, Livorno 1846.

VIVOLI, Guida di Livorno, Vollecchi Editore, Firenze 1956.

VOLPI, Guida del forestiere per la citta’ e contorni di Livorno, Libreria della Speranza, Livorno 1846. .IBURNI CIVITAS”, f. 3, Livorno 1928.

GABURRI, Manoscritto sulle vite degli artisti, B. M. F., Firenze

G. PIOMBANTI, Giuda storica ed artistico dellocitta’ e dei dintorni di Livorno, p. 284, Forni Editore, Bologna 1969, Biblioteca Labronica Livorno.

“Cosimo III … provvide (il complesso del Luogo Pio) di chiesa

proprio, eretto dal Fantasia, e dedicato all’Assunzione della Madonna

e a S. Giuseppe.

Ne fu posta la prima pietra il 10 luglio 1713, e il Proposto Angelo

Fronceschi il 19 marzo 1715 la benedi’ e vi disse la prima messa.

. . . . Ha tre altari, molti ornoti di stucco, pitture non pregevoli,

e sull’altare maggiore sta’ una bella immagine dell’Immacolata.

Sotto l’altare sono le reliquie di S. Alessandro martire, tolte dal

cimitero Cirriaco di Roma donate dal capitano del Lazzoretto di S.

Rocco, Francesco Vincenti, e qui trasportate solennemente il 22 marzo

1716.

Il medesimo Granduca fondo’ in questa chiesa nel 1719 una messa perpe­tua

in onore di S. Giuseppe, che egli avevo eletto o protettore dello

Toscano, alla quale ordinava che fosse presente il civico magistrato.

Sulla sua facciata, in piazza del Luogo Pio, leggasi questa iscrizione

che i repubblicani francesi nel secolo XVIII distrussero: “PAUPERUM

TEMPLUM …” .

Ora vi sono tali parole : “D.O.M. ‑ Deiporoe Assumptae ejusque sponso

Josepho”.

Prima che ci venissero le suore era detto la chiesa delle Monachine.

Fra gli altri c’e’ sepolto Giovanni Morio del Fantasia direttore delle

Regie Fabbriche e architetto civile e militore di Livorno.

“Gran Fantasia ‑ dice il Sontelli ‑ finche’ egli visse la nostra citta’

sembro’ un gioiello”.

Vi e’ pure sepolto l’altro benefattore Giovanni Pigliu’.

Eraci anco il sepolcro delle povere fanciulle, aperto nel 1716.”